per acquistare scrivi a
info@stefanovietina.it


16,00 euro
15,00 euro
12,00 euro
10,00 euro
anche in eBook a €4,99



I libri che ho pubblicato





Seguitemi anche  su

dolomitichannel---------Arco News---

PostHeaderIcon News

Vai all'anteprima
degli articoli
pubblicati
2012 2013 2014 2015 2016 2017

PostHeaderIcon 5 maggio: sit-in sul Ponte Cadore per salvare la montagna

A rischio anche il "Punto Nascite"  e il Laboratorio Analisi di Pieve?

Dopo il taglio di uffici postali, treni, ufficio delle entrate, tribunale, adesso in Cadore si teme anche per i servizi erogati dall'Ospedale di Pieve.  In prima linea, i tre sindaci donna di Pieve, Maria Antonia Ciotti, e di Santo Stefano di Cadore, Alessandra Buzzo e di Auronzo di Cadore, Daniela Larese Filon.


(leggi l'articolo sul punto nascite sul Corriere delle Alpi)
(leggi l'articolo sul laboratorio analisi sul Corriere delle Alpi)


Share

 

PostHeaderIcon Tiziano ha dipinto il ritratto di Bembo giovane?

L'artista e l'intellettuale rinascimentale

 

È proprio Pietro Bembo quarantenne il personaggio raffigurato nel quadro di Tiziano esposto in questi giorni a Padova? È quanto sostiene Davide Gasparotto che ha curato, insieme a Guido Beltramini e Adolfo Tura, la mostra “Pietro Bembo e l'invenzione del Rinascimento”, in corso al Palazzo del Monte di Pietà, in Piazza Duomo, nel centro di Padova fino al 19 maggio prossimo (ogni informazione si può trovare sul sito della mostra www.mostrabembo.it). «È il Vasari che ci informa che Tiziano aveva eseguito anche un ritratto di Pietro Bembo intorno ai 40 anni, un dipinto – ricorda Gasparotto - fino ad oggi considerato come perduto.


(leggi l'articolo sul Corriere delle Alpi)


Share

 

PostHeaderIcon Ultimi articoli su MF

Tecnologia, banche, turismo: i miei recenti articoli su MF

Share

 

PostHeaderIcon Nuovo disco di Siruan, il rapper di Pieve di Cadore

Il rap arrabbiato di Matteo Gracis "Siruan" e Fabio Ballarin "Inoki"

“E' ora di finirla, la dovete smettere, state mangiando con i soldi nostri da quarant'anni... Ingannati, da quando siamo nati, indignati, siamo incazzati...” Siruan si dà alla politica, interpreta il disagio giovanile, la voglia di ribellione, con una sorta di ritorno al futuro. “Ingannati” anticipa il secondo album ufficiale del musicista cadorino Matteo Gracis (in arte appunto Siruan), che qui collabora con il rapper bolognese Inoki (Fabio Ballarin), attivissimo già dalla fine degli anni ’90 negli ambienti underground più impegnati. Dopo “Brividi” del 2010, seguito dallo street album “Vivo” del 2011 e dall’ep “Energia” del 2012, Siruan inaugura quindi, con questo singolo, un nuovo capitolo della sua carriera discografica. “Ingannati”, singolo che anticipa il secondo album di Siruan dal titolo “Finalmente Musica”, previsto in uscita per la prossima primavera, per l’etichetta milanese Pull Music/Crisler, si chiude con uno stretto richiamo alla cronaca di questi giorni, in cui si devono registrare numerosi episodi di violenza e disperazione. La canzone è disponibile su iTunes e su tutti gli stores digitali. Il videoclip è uscito in esclusiva sul sito di XL Repubblica (leggi l'articolo sul Corriere delle Alpi)

(http://videodrome-xl.blogautore.repubblica.it/2013/03/07/siruan-feat-inoki-ingannati/)

Share

 

PostHeaderIcon Porsche Italia

Buon compleanno Porsche 911!!!

 

 

L'obiettivo è chiaro, dimenticare rapidamente l'incubo e rilanciare il sogno. E' per questo che Porsche Italia festeggerà in grande stile i 50 anni della 911, con una kermesse che partirà ad aprile da Milano ed avrà la sua conclusione in ottobre proprio a Padova, dove storicamente ha sede la direzione italiana della marca tedesca.

(continua a leggere sul Mattino di Padova, con intervista al direttore generale Pietro Innocenti)

Share

 

PostHeaderIcon I Droni della FlightTech

Droni su "Il Mondo"

Sul settimanale economico Il Mondo del 13 novembre 2013, un mio articolo sui nuovi strumenti di rilevazione video-fotografica: i droni. L'intervista è ad Alfonso Sidro, socio fondatore della FlightTech di Ponte nelle Alpi (BL), che compare anche nel video da me girato con un drone in volo nel bel cielo azzurro di Ponte nelle Alpi."Si tratta di piccoli velivoli senza pilota (noti come UAV, Unmanned Aerial Vehicle. n.d.r.); una nuova generazione di robot volanti -- spiega Alfonso Sidro, socio della FlightTech che li produce -- e possono aiutare a svolgere, con facilità, compiti al momento molto difficoltosi, costosi o pericolosi. Come ad esempio l'ispezione di edifici e di grandi infrastrutture, la raccolta di campioni da aree difficilmente accessibili (come cime montuose o cave), la manipolazione remota di oggetti. I campi di applicazione, insomma, sono praticamente infiniti."

Share

 

PostHeaderIcon 17 febbraio: ultima mascherata a San Nicolò

Il Comelico e le sue tradizioni: il Carnevale

Il Carnevale in Comelico è una tradizione che impegna tutto l'anno, e si caratterizza per il ballo dei Matazins e delle Matazere, dai caratteristici costumi.

Continua a leggere l'articolo sulla mascherata di San Nicolò sul Corriere delle Alpi

Continua a leggere l'articolo sulla mascherata di Santa Plonia sul Corriere delle Alpi

Share

 

PostHeaderIcon I molteplici utilizzi dei droni FlightTech

I Droni made in Ponte nelle Alpi della FlightTech

Il video, l'articolo e il richiamo in prima pagina della mia intervista ad uno dei soci della FlightTech.

Droni “made in Ponte nelle Alpi” per il controllo del territorio. «Si tratta di piccoli velivoli senza pilota (noti come Uav, Unmanned Aerial Vehicle, ndr); una nuova generazione di robot volanti», spiega Alfonso Sidro, socio della pontalpina FlightTech che li produce, «e possono aiutare a svolgere, con facilità, compiti al momento molto difficoltosi, costosi o pericolosi. Come ad esempio l'ispezione di edifici e di grandi infrastrutture, la raccolta di campioni da aree difficilmente accessibili (come cime montuose o cave), la manipolazione remota di oggetti. I campi di applicazione, insomma, sono praticamente infiniti». E sono utilizzati anche da professionisti della fotografia e da video-maker, a prezzi sempre più accessibili e soprattutto in grado di superare effettive difficoltà logistiche.

Continua a leggere l'articolo sul Corriere delle Alpi

Share

 
Notice