Menu Principale

per acquistare scrivi a
info@stefanovietina.it

15,00 euro
16,00 euro
15,00 euro
12,00 euro
anche in eBook a €4,99
10,00 euro
anche in eBook a €4,99



I libri che ho pubblicato





Seguitemi anche  su

dolomitichannel---------Arco News---

PostHeaderIcon News

 

Vai all'anteprima

dei miei articoli

pubblicati

 

 

2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018

PostHeaderIcon FreTor entra nel Gruppo Brovedani. Intervista a Jury De Col

FreTor verso la leadership internazionale nel settore automazioni

La FreTor Srl, società di Pieve d’Alpago di proprietà della famiglia De Col specializzata in robotica e automazioni speciali, entra a far parte del Gruppo Brovedani, multinazionale attiva nel settore della produzione di componentistica per automotive, con sede in San Vito al Tagliamento. L'acquisizione del controllo è avvenuta attraverso un aumento di capitale, così da prevedere oggi nella FreTor, attiva nel segmento dell’automazione di processo e della robotica in alcuni specifici settori industriali, un 70% del capitale in capo al Gruppo Brovedani, attraverso la controllata Brovedani S.p.A. divisione “BRTC ‐Brovedani Technology Center”, che esprime il nuove presidente nella figura di Sergio Barel (CEO di Brovedani Group SpA): mentre alla famiglia De Col resta il 30%, con la garanzia di poter rivestire i ruoli di amministratore Delegato, JurY De Col, di CFO e responsabile risorse umane, Anuska De Col, e di responsabile commerciale, Katia Pajer, rispettivamente sorella e moglie di Jury.

Brovedani Group SpA è una società multinazionale leader nella meccanica di precisione nel settore automotive. Il Gruppo, fondato nel 1947, occupa ad oggi oltre 1.000 dipendenti con un fatturato consolidato nel 2017 di 115 milioni di euro e con stabilimenti in Italia a San Vito al Tagliamento (PN) e Modugno (BA), nonché a Galanta (Slovakia) e Queretaro (Mexico). Il fatturato 2017 di FreTor è stato di 6 milioni di euro.

 

”In un momento storico in cui la FreTor sta crescendo e sta affrontando nuove richieste e tematiche – ha spiegato Jury De Col - abbiamo sentito la necessità di guardare avanti con lungimiranza. Penso che i mercati più difficili non si possano e non si debbano affrontare da soli. E’ importante unire competenze diverse, idee, esperienze e persone, accomunate però dagli stessi valori: questo è il motivo per cui è nata questa sinergia con il gruppo Brovedani, una somma di competenze che ci permetterà di avvicinarci alle richieste dei mercati anche internazionali, creando valore per il territorio, per le persone che già fanno parte della FreTor e per quelle che entreranno a far parte dell’azienda.”

A quanto ammonta il valore dell'operazione? “Nel dettaglio non abbiamo ancora la cifra definitiva.”

“Per i ruoli svolti da lei e dai membri della sua famiglia sono stati indicati limiti temporali? "No"

Avete avuto garanzie sul mantenimento dei livelli occupazionali in Alpago?

“Certamente. Non solo tutti i nostri addetti resteranno a lavorare con noi, ma abbiamo un programma di crescita molto significativo. Puntiamo a diventare, nel 2021, 110 dai 60 attuali (40 in Alpago e 20 a San Vito al Tagliamento), mentre il fatturato arriverà ai 20 milioni dal 10 attuali (6 FreTor più i 4 BRTC ‐Brovedani Technology Center).”

L'operazione avrà valore a partire dal 1 agosto p.v. quando FreTor srl entrerà ufficialmente a far parte del gruppo Brovedani.

“Il nostro obiettivo – ribadisce Jury De Col - è quello di far assumere alla nuova combinazione societaria un ruolo di leadership internazionale nel settore delle automazioni, combinando le competenze manageriali e la presenza internazionale del Gruppo Brovedani al consolidato know how di FreTor, esponente di punta nel segmento dell’automazione di processo e della robotica in alcuni specifici settori industriali, sviluppando così il business anche in altri settori e mercati geografici.”

“La volontà aziendale – conclude- è quella di proseguire e rafforzare l’impegno di assumere, formare e dare valore alle persone del territorio bellunese, arricchendole però della diversità di persone proveniente da altri territori, italiani e non solo vista la presenza di Brovedani in due continenti”.

Il capostipite Gervasio

“Ho già riposto la mia fiducia in Jury ed Anuska quando gli ho lasciato le redini dell’azienda che ho fondato, assieme alla mia famiglia, nel 1976; anche ora, come allora, mi fido dell’abilità imprenditoriale e della lungimiranza che appartengono a loro e a tutta la squadra” sostiene Gervasio De Col, fondatore di Fre Tor. “Credo che questa sia un’ottima opportunità per la crescita di FreTor, e sono contento che questo possa accadere garantendo comunque la nostra presenza sul territorio bellunese, qui in Alpago dove è nato tutto.”

Share

 
Notice